Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Pandemia Covid-19: dal CO.CO.MI al CO.CO.CO. applicato agli umani

Postato da on Ott 25th, 2020 e file sotto Cultura, Formazione, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Una volta si parlava di CO.CO.MI., utilizzato dai giapponesi per rendere le loro fabbriche le migliori del mondo, poi utilizzato dai Guru della PNL per rendere gli uomini più competitivi e vincenti. Il significato del CO.CO.MI è Costante Continuo Miglioramento. Tutto ciò risale alla fine della seconda guerra mondiale e l’ideatore fu William Edward Deming. nato negli Stati Uniti il 14 ottobre del 1900, esperto di miglioramento della produzione negli Usa.
Il generale MacArthur  inviò William Edward Deming in Giappone, nel 1950, in un paese distrutto dalla guerra. Deming, esperto del controllo di qualità, non andò ad insegnare ai giapponesi chissà quale dettaglio tecnico di produzione ma, su richiesta dell’Unione scienziati e tecnici giapponesi, insegnò loro i suoi stessi princìpi di controllo totale della qualità.

In estrema sintesi, si trattava di un’efficace e, per quel tempo, rivoluzionaria convinzione basilare relativa al costante e continuo incremento della qualità, basato sull’insegnamento di quattordici princìpi. Questi insegnamenti già nel dopoguerra diventarono il fondamento di tutte le decisioni prese da ogni azienda nipponica multinazionale di successo. In uno dei libri, il Guru del miglioramento umano, Antony Robbins, nel libro Awake the Giant Within, in riferimento al Deming : “L’intima credenza è semplicemente questa: un continuo, eterno impegno ad aumentare costantemente, ogni singolo giorno, la qualità dei prodotti in ogni aspetto dell’azienda avrebbe dato loro la possibilità di dominare i mercati di tutto il mondo. Deming insegnò che la qualità non è solo questione di soddisfare un certo standard, ma è piuttosto un processo vivo e palpitante di continuo miglioramento. Deming promise loro che, se avessero seguito fedelmente i suoi insegnamenti, nel giro di cinque anni avrebbero inondato il mondo con i loro prodotti di qualità e in dieci o vent’anni sarebbero diventati una delle maggiori potenze economiche del mondo”.  Grazie al dottor William Edward Deming, anche la Ford ne beneficiò, infatti: “nel 1983, la Ford perdeva miliardi di dollari all’anno. Deming, una volta assunto, cambiò il loro atteggiamento occidentale che li induceva a chiedersi “come possiamo aumentare il volume di affari e ridurre i costi?“ in “come possiamo migliorare la qualità dei nostri prodotti e farlo in modo che, a lungo termine, la qualità non costi di più?“ La Ford si riorganizzò e fece della qualità il suo obiettivo primario (come dice lo slogan: “La qualità è il principio numero uno“) e, mettendo in pratica tutti gli insegnamenti di Deming, nel giro di quattro anni passò da un deficit spaventoso alla posizione di maggiore industria degli Stati Uniti con sei miliardi di dollari di utile!” (Tratto dal libro di Anthony Robbins). La tecnica del CO.CO.MI. è stata utilizzata nelle strategie di comunicazione per rendere le persone più efficaci nel loro lavoro, applicandosi giorno dopo giorno per migliorare se stessi e le performance.

Ma oggi il CO.CO.MI è cambiato, è diventato nell’era del COVID-19, il CO.CO.CO. cioè Costante Continuo Condizionamento. Non più CO.CO.MI. ma CO.CO.CO. Grazie ai loro consulenti e alla loro malvagità, hanno cambiato la disciplina del miglioramento personale e sociale in una nuova disciplina, quella del continuo condizionamento al fine di rendere milioni di persone dei topolini in un labirinto senza uscite. Ovviamente per avviare una strategia così perversa avevano bisogno di una causa e l’hanno trovata con Il Covid-19 e messa in atto grazie a strateghi della comunicazione di massa e ad “essere superiori “, i membri dei vari Comitati tecnici Scientifici. Grazie al controllo dei mezzi di comunicazione in modo diretto e indiretto (ad esempio in Italia i controllori dei vari giornali e televisioni sono 4 o 5 personaggi). Il CO.CO.CO. è stato attuato grazie alla paura, alla mancanza di conoscenza delle persone, all’utilizzo dei social come mezzi liberi (invece sono un potere perverso e utilizzato per condizionare miliardi di persone).

Una catastrofe umanitaria ci attende e non è il Covid la vera causa ma il devastante condizionamento perpretato da strateghi della comunicazione di massa,  Governi, pseudoscienziati, giornalisti. Il Covid-19 è la causa di un reset mondiale per cambiare le strategie di produzione, di acquisto, un nuovo modello di società, siamo nell’era dell’ultima e definitiva rivoluzione industriale. Una rivoluzione dove l’uomo viene scalzato dal suo ruolo principe da una nuova realtà, l’Intelligenza artificiale. L’uomo diventa subalterno all’ A.I e quasi superfluo nel ciclo produttivo. Il problema è far accettare alle persone la loro inutilità, precarietà, ed ecco apparire all’orizzonte un virus terribile prodotto nei laboratori di Whuan, finanziato da cinesi, americani e francesi, multinazionali private e anche l’unione europea, Un virus che si attiva e disattiva a comando: parte dalla Cina e sembra devastante, eppure la Cina ha avuto circa 86.000 positivi con 4634 morti ( dati al 25 ottobre, fonte worlmeters.info), mentre in altri paesi come l’Italia arriva devastando il nord produttivo ( quello che produce per molte industrie tedesche e svedesi) e poi dopo il primo CO.CO.CO e il primo lockdown (che brutta parola, significa confinamento e ricorda cose che non vorremmo ricordare), improvvisamente da Giugno in poi sembra scomparire, anche se alcuni personaggi del mondo scientifico continuavano a parlare di seconda ondata (su quale metodologia scientifica? Unico riferimento la Spagnola, di cui si sa pochissimo, mentre altre pandemie sono scomparse senza seconde e terze ondate.). Scienziati ed esperti su quali basi? Basta leggere i curriculum per sapere che alcuni di loro non hanno messo mai piede in un laboratorio e qualcun’altro cerca visibilità per candidarsi in qualche partito. Vogliamo parlare di chi governa? Leggete i loro curriculum per favore e vedrete che alcuni di loro non sanno la differenza tra virus e batteri e quando si può parlare di metodo scientifico
Il Covid-19 è un’arma  probabilmente creata in laboratorio per un piano globale con il fine ultimo di un reset mondiale e la sostituzione dell’uomo con l’Intelligenza Artificiale in quasi tutti i comparti sociali, industriali, con il commercio e gli scambi regolati dalle macchine e dalla moneta virtuale. 

 


Leggi Ancora
    Fatal error: Call to undefined function related_posts_by_category() in /web/htdocs/www.ilperiodico.it/home/blog/wp-content/themes/Wp-Adv-Newspaper/single.php on line 50