Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Spettacolo, promessa di Berlusconi “Più risorse, ma non i 60 milioni”b

Postato da on Lug 30th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

berlus_fusROMA – “Il governo deve ancora discutere della cifra esatta per aumentare i fondi per lo spettacolo (Fus)”. Lo ha spiegato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che ha poi aggiunto:”La richiesta è di 60 milioni di euro, spero di poter puntare verso quel traguardo, ma non a quel traguardo”. 

Si profila, quindi, un ripensamento del governo sui tagli e il mancato reintegro dei fondi al Fus dopo la lettera del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dopo la protesta dei lavoratori del mondo dello spettacolo. Attori, registi, macchinisti, nomi eccellenti, tra cui Verdone e Moretti, ma anche sconosciuti lavoratori della cultura e dello spettacolo erano scesi in piazza. Chiedevano almeno 60 milioni di euro, una cifra decisamente lontana dagli 8 milioni che nel decreto anticrisi si prevedeva di incassare attraverso l’utilizzo della cosiddetta porno-tax

Oggi una prima risposta, arrivata nel corso di una conferenza stampa al ministero dei Beni culturali dove con il ministro Sandro Bondi e il nuovo direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale Mario Resca, Berlusconi ha presentato le direttrici fondamentali della riforma del ministero. “Tremonti non è un mostro – ha esordito il presidente del Consiglio. “Anche a lui piacerebbe dire di sì. Dire no è difficile, ma non è lui, è la realtà dei conti che si impone”.

Rispetto al fondo unico per lo spettacolo sul quale il ministro Bondi aveva chiesto delle rassicurazioni il premier ha poi detto: “Cercheremo di aumentare i fondi per l’anno prossimo, spostandoli da altri capitoli di spesa. La somma verso cui si tenderà per quanto riguarda il Fus è di 60 mln di euro”.


Soddisfatto l’attore e deputato Pdl Luca Barbareschi: “Il premier Berlusconi non è rimasto insensibile al nostro appello in favore della cultura italiana. Anticipando che le risorse per lo spettacolo saranno reintegrate attraverso un decreto il premier assicura un po’ di respiro a tutto l’indotto, in attesa di una grande riforma che affronti il tema del più equo collocamento delle risorse e della loro destinazione alle aziende che nel settore si dimostreranno più virtuose, ma anche il tema dell’affrancamento della cultura dalla politica, oggi più che mai indispensabile”.


Leggi Ancora
    Fatal error: Call to undefined function related_posts_by_category() in /web/htdocs/www.ilperiodico.it/home/blog/wp-content/themes/Wp-Adv-Newspaper/single.php on line 50