Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

La medicina non è un’ esclusiva dell’uomo

Postato da on nov 30th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Abbiamo sempre pensato che la medicina fosse proprietà esclusiva dell’uomo, invece una serie di studi condotti su primati ed altri animali smentiscono questa verità.

La ricercatrice Shelly Masi e i suoi colleghi del Museo di Storia Naturale di Parigi hanno condotto uno studio su un gruppo di scimpanzé che vivono nel Parco Nazionale di Kibale in Uganda e successivamente uno studio su un gruppo di Gorilla che risiedono nel Parco Nazionale di Dzanga-Ndoki nella Repubblica Centro Africana. Gli scienziati si sono resi conto che il gruppo di scimpanzé si nutriva più del necessario e che talvolta invece di cibarsi di sostanze nutrienti e buone prediligeva alcuni specie di piante. Lo scimpanzé è erbivoro ed il suo stomaco non è specializzato nel proteggersi da sostanze nocive. Il Gorilla al contrario ha uno stomaco più sviluppato, ed infatti nel gruppo di Gorilla questo comportamento alimentare non è stato riscontrato. Analizzando il tipo di piante che venivano mangiate dagli scimpanzé hanno individuato: l’Antiaris Toxicaria, pianta con proprietà anti-tumorali, la Cordia abyssinica, antimalarica e antibatterica, il Ficus capensis ,antibatterico, il Ficus natalensis, anti diarroico, e molti altri.  Oltre a questa incredibile selezione di piante gli scimpanzé sanno anche quale parte della pianta è medicinale, queste conoscenze vengono apprese attraverso la vita in società, gli animali si influenzano a vicenda. Gli scimpanzé certamente rappresentano un caso sui generis, ma ci sono molti altri animali che si nutrono di erbe medicinali, come le Capre che mangiano l’Albizia anthelmintica, che le aiuta a disintossicarsi dai vermi.

Fonte: DiscoveryNews

 

 

 

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta