• Giugno 28, 2022 4:45 am

Il periodico

Ripetizioni e Corsi online

Fogli pieni di segni, forme e colori sparsi un po’ovunque: non è difficile trovarne nella stanza di bambini e adolescenti e, se per i genitori sono soltanto sinonimo di disordine, per gli specialisti possono essere un utile strumento di comprensione dello stato d’animo. In fondo, che l’arte sia l’espressione di un moto interiore non è una novità; guardando un disegno è possibile capire tante cose; la predilizione per determinati colori, per esempio, suggerisce quelle che sono le inclinazioni della persona, sebbene è utile ricordare che qualsiasi interpretazione deve essere contestualizzata.

L’arte, però, può avere anche funzione terapeutica, utile non solo per sviluppare la fantasia e la creatività, ma anche per risolvere situazioni di disagio tipiche dell’età infantile e adolescenziale,

con risvolti positivi su più fronti: svolgere attività manuali è sempre un’occasione di sfogo, che aiuta a sciogliere le tensioni interiori, evitando così un eccessivo controllo delle emozioni che potrebbe sfociare in atteggiamenti aggressivi. L’uso variegato di tutti i colori, poi, favorisce lo sviluppo di una mentalità più flessibile, pronta a considerare le cose con apertura,  a fare valutazioni su più binari, per così dire. Anche modellare o disegnare forme di vario tipo è significativo, anche in questo caso per avere un atteggiamento più morbido nei confronti della realtà circostante e verso sé stessi.

Gli psicologi, a questo proposito, danno alle forme tonde un significato molto importante, perché in opposizione agli spigoli, che spesso sono manifestazione di atteggiamenti spigolosi.

Insomma, se è vero che una buona terapia deve essere fatta ad regola d’arte, anche l’arte può essere una valida terapia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.