• Agosto 11, 2022 6:47 pm

Il periodico

Ripetizioni e Corsi online

Grandi progressi al Cern di Ginevra, dove gli scienziati impegnati nel progetto di studio sull’antimateria, l’Antihydrogen Laser PHysics Apparatus, sono riusciti ad ottenere risultati più che incoraggianti. Lo scorso anno gli scienziati erano riusciti a catturare 38 atomi di antimateria ed erano riusciti a tenerli per 1/6 di secondo, la notizia fece il giro del mondo, ma non è nulla a confronto con i risultati ottenuti nel corso dell’ultimo esperimento. Trattenere l’antimateria è pressoché impossibile, perché le particelle si distruggono a contatto con la materia, ma i ricercatori hanno individuato il metodo vincente. Gli scienziati questa volta hanno creato 300 atomi di anti idrogeno attraverso il Large Hadron Collider, li hanno intrappolati all’interno di un contenitore in cui era stato creato il vuoto e sono riusciti a mantenerli per ben 16 minuti, attraverso un magnete. Questo metodo consentira finalmente ai ricercatori di poter studiare l’anti materia, infatti hanno già annunciato che entro la fine dell’anno l’esperimento entrerà in una nuova fase, in cui gli atomi di anti-idrogeno verranno colpiti con fasci di microonde e raggi laser.

Fonte: nextme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.