Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Coronavirus: allontanare la paura e rimanere calmi

Postato da on Mar 15th, 2020 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

coronavirus

Injection

Un nuovo virus, il Covid -19 sta terrorizzando l’Italia e ormai la paura ha preso il sopravvento sulla lucidità e razionalità. La calma aiuta a riflettere e allontanare la paura permette di essere lucidi. Purtroppo i media, gli stessi scienziati che vengono intervistati in televisione, contribuiscono a rendere le persone fragili, incerte e terrorizzate. Parlo anche per me: dobbiamo essere calmi, lucidi e sereni. La paura, il terrore, può portare anche malattie e oltre al danno la beffa. Ecco alcune semplici istruzioni dell’OMS. Sono domande con risposte.

Quanto è probabile che possa contrarre il Covid-19?
Il rischio dipende da dove vivi o da dove hai viaggiato di recente. Il rischio di infezione è maggiore nelle aree in cui un numero di persone è stato diagnosticato con COVID-19. Al momento, il 99% di tutti i casi COVID-19 si verificano in Cina, con la maggioranza di quelli nella provincia di Hubei. Per le persone nella maggior parte delle altre parti del mondo, il rischio di ottenere COVID-19 è attualmente basso, tuttavia, è importante essere consapevoli della situazione e degli sforzi di preparazione nella propria zona.
L’OMS sta lavorando con le autorità sanitarie in Cina e nel mondo per monitorare e rispondere alle epidemie di COVID-19. 

Devo preoccuparmi di Covid-19?
Se non ti trovi in ​​un’area in cui COVID-19 si sta diffondendo, o se non hai viaggiato da una di quelle aree o non sei stato in stretto contatto con qualcuno che ha e non si sente bene, le tue probabilità di ottenerlo sono attualmente scarse. Tuttavia, è comprensibile che potresti sentirti stressato e ansioso per la situazione. È una buona idea ottenere i fatti per aiutarti a determinare con precisione i tuoi rischi in modo da poter prendere ragionevoli precauzioni. Il tuo fornitore di assistenza sanitaria, la tua autorità nazionale di sanità pubblica e il tuo datore di lavoro sono tutte potenziali fonti di informazioni accurate su COVID-19 e se si trova nella tua zona. È importante essere informati della situazione in cui si vive e adottare le misure appropriate per proteggersi. (Vedi Misure di protezione per tutti).
Se ci si trova in un’area in cui si verifica un focolaio di COVID-19, è necessario prendere seriamente il rischio di infezione. Seguire i consigli emessi dalle autorità sanitarie nazionali e locali. Sebbene per la maggior parte delle persone COVID-19 causi solo malattie lievi, può far ammalare alcune persone. Più raramente, la malattia può essere fatale. Le persone anziane e quelle con condizioni mediche preesistenti (come ipertensione, problemi cardiaci o diabete) sembrano essere più vulnerabili.

Gli esseri umani possono essere infettati dal Covid-19 una fonte animale?
I coronavirus sono una grande famiglia di virus comuni nei pipistrelli e negli animali. Raramente, le persone vengono infettate da questi virus che possono poi diffondersi ad altre persone. Ad esempio, SARS-CoV era associato a gatti civet e MERS-CoV è trasmesso da cammelli dromedari. Le possibili fonti animali di COVID-19 non sono state ancora confermate.
Per proteggersi, ad esempio quando si visitano mercati di animali vivi, evitare il contatto diretto con gli animali e le superfici a contatto con gli animali. Garantire sempre buone pratiche di sicurezza alimentare. Maneggiare con cura carne, latte o organi animali crudi per evitare la contaminazione di cibi crudi ed evitare il consumo di prodotti animali crudi o poco cotti.

Posso catturare Covid-19 dal mio animale domestico?
No. Non ci sono prove che animali da compagnia o animali domestici come cani e gatti siano stati infettati o possano diffondere il virus che causa COVID-19.

Quanto dura il virus sulle superfici?
Non è certo per quanto tempo il virus che causa COVID-19 sopravvive sulle superfici, ma sembra comportarsi come altri coronavirus. Gli studi suggeriscono che i coronavirus (comprese le informazioni preliminari sul virus COVID-19) possono persistere sulla superficie per alcune ore o fino a diversi giorni. Ciò può variare in condizioni diverse (ad es. Tipo di superficie, temperatura o umidità dell’ambiente).
Se ritieni che una superficie possa essere infetta, puliscila con un semplice disinfettante per uccidere il virus e proteggere te stesso e gli altri. Pulisci le mani con una mano a base di alcool o lavale con acqua e sapone. Evitare di toccare gli occhi, la bocca o il naso.

Esiste un vaccino per un nuovo Coronavirus?

No, essendo una malattia nuova, ancora non esiste un vaccino e per realizzarne uno ad hoc i tempi possono essere anche relativamente lunghi (si stima 12-18 mesi).

Sono protetto da COVID-19 se quest’anno ho fatto il vaccino antinfluenzale?

L’influenza e il virus che causa COVID-19 sono due virus diversi e il vaccino contro l’influenza stagionale non protegge da COVID-19.
La vaccinazione anti-influenzale è fortemente raccomandata perché rende la diagnosi differenziale (cioè la distinzione tra le due infezioni), più facile e più rapida, portando più precocemente all’isolamento di eventuali casi di coronavirus.

Cosa posso fare per proteggermi?

Mantieniti informato sulla diffusione della pandemia, disponibile sul sito dell’OMS e sul sito del ministero e adotta le seguenti misure di protezione personale:

  • restare a casa, uscire di casa solo per esigenze lavorative, motivi di salute e necessità (vedi misure di contenimento)
  • lavarsi spesso le mani;
  • evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  • evitare abbracci e strette di mano;
  • mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;
  • igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
  • evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri;
  • non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
  • coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  • non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  • pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
  • usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

Se presenti febbre, tosse o difficoltà respiratorie e sospetti di essere stato in stretto contatto con una persona affetta da malattia respiratoria Covid-19:

  • rimani in casa, non recarti al pronto soccorso o presso gli studi medici ma chiama al telefono il tuo medico di famiglia, il tuo pediatra o la guardia medica. Oppure chiama il numero verde regionale. Utilizza i numeri di emergenza 112/118 soltanto se strettamente necessario.

Il virus si tramette per via alimentare?

Normalmente le malattie respiratorie non si trasmettono con gli alimenti, che comunque devono essere manipolati rispettando le buone pratiche igieniche ed evitando il contatto tra alimenti crudi e cotti.

È sicuro bere l’acqua del rubinetto, infatti le pratiche di depurazione sono efficaci nell’abbattimento dei virus, insieme a condizioni ambientali che compromettono la vitalità dei virus (temperatura, luce solare, livelli di pH elevati) ed alla fase finale di disinfezione. (Fonte: ISS)

Devo indossare una mascherina per proteggermi?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di indossare una mascherina solo se sospetti di aver contratto il nuovo Coronavirus e presenti sintomi quali tosse o starnuti o se ti prendi cura di una persona con sospetta infezione da nuovo Coronavirus.

L’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani.

Infatti, è possibile che l’uso delle mascherine possa addirittura aumentare il rischio di infezione a causa di un falso senso di sicurezza e di un maggiore contatto tra mani, bocca e occhi.

Non è utile indossare più mascherine sovrapposte. L’uso razionale delle mascherine è importante per evitare inutili sprechi di risorse preziose.

Come devo mettere e togliere la mascherina?

Ecco come fare:

  • prima di indossare la mascherina, lavati le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica
  • copri bocca e naso con la mascherina assicurandoti che sia integra e che aderisca bene al volto
  • evita di toccare la mascherina mentre la indossi, se la tocchi, lavati le mani
  • quando diventa umida, sostituiscila con una nuova e non riutilizzarla; in quanto maschere mono-uso
  • togli la mascherina prendendola dall’elastico e non toccare la parte anteriore della mascherina; gettala immediatamente in un sacchetto chiuso e lavati le mani.

Esiste un trattamento per un nuovo Coronavirus?

Non esiste un trattamento specifico per la malattia causata da un nuovo coronavirus. Il trattamento deve essere basato sui sintomi del paziente. La terapia di supporto può essere molto efficace. Terapie specifiche sono in fase di studio.

Gli antibiotici possono essere utili per prevenire l’infezione da nuovo Coronavirus?

No, gli antibiotici non sono efficaci contro i virus, ma funzionano solo contro le infezioni batteriche.

È necessario eseguire il tampone per la ricerca del SARS-CoV-2 nei soggetti asintomatici?

No, secondo le indicazioni del Consiglio Superiore della Sanità, sulla base delle evidenze scientifiche finora disponibili, non è raccomandata l’esecuzione del tampone ai casi asintomatici.

Sottoporsi privatamente ad analisi del sangue, o di altri campioni biologici, permette di sapere se si è contratto il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2)?

No. Non esistono al momento kit commerciali per confermare la diagnosi di infezione da nuovo coronavirus. La diagnosi deve essere eseguita nei laboratori di riferimento Regionale, su campioni clinici respiratori secondo i protocolli di Real Time PCR per SARS-CoV-2 indicati dall’OMS. In caso di positività al nuovo coronavirus, la diagnosi deve essere confermata dal laboratorio di riferimento nazionale dell’Istituto Superiore di Sanità.

Sul sito del Ministero della Salute è possibile trovare ulteriori informazioni

 

 


Leggi Ancora

Comments are closed