• Novembre 27, 2022 10:44 am

Il periodico

Ripetizioni e Corsi online

materia-oscura

materia-oscuraGran parte dell’universo è sconosciuto e lo indichiamo con materia oscura e energia oscura.
Ma cosa sappiamo della materia oscura? Si è incominciato a parlare di materia oscura misurando la velocità delle stelle ai limiti dell’universo conosciuto e si è notato che la velocità misurata non era coerente con le conoscenze dell fisica e inoltre non rispondeva soltanto alla forza gravitazionale; questa anomalia accade in ogni parte dell’universo e si è capito che tale “presenza oscura” è cinque volte più grande della materia conosciuta.

Da cosa è composta la materia oscura? Ad oggi ci sono varie ipotesi, quella più accreditata e si stanno compiendo esperimenti è che la materia oscura sia composta da particelle simili a quelle che conosciamo nel modello standard, ma con massa più grande.

Altra ipotesi accreditata è che sia composta da neutrini, i quali rappresenterebbero una porzione della materia oscura.

Cosa è invece l’energia oscura? E’ uno degli enigmi più appassionante e misterioso per gli scienziati, moltoenergia-oscura più della materia oscura. Si è iniziato a parlare di energia oscura alla fine del secolo scorso studiando la fine di una supernova, la quale alla fine del suo tempo emette luce costante; si è pensato quindi sfruttando tale fenomeno di misurare l’espansione dell’universo e con grande sorpresa si è notato che l’universo sta accelerando la sua espansione contro tutte le leggi e principi fisici conosciuti. Per non mettere in discussione tutta la fisica si è ièpotizzata la presenza di un’energia oscura che si comporta in modo diverso , alle energie conosciute e non risponde a tali leggi e si è parlato anche di una forza antigravitazionale dovuta all’energia oscura. Una delle ipotesi più accreditate riguarda i fenomeni quantistici nel vuoto (nella meccanica quantistica non solo non è privo di una struttura propria, ma è un ribollire di particelle) e si è immaginato che tale energia oscura sia dovuta all’interazione delle particelle nel vuoto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.