Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Imparare più in fretta e rimanere concentrati più a lungo: l’Aeronautica ha trovato un modo

Postato da on nov 28th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Una delle più grandi difficoltà per i piloti di caccia in missione è individuare  sul monitor radar il bersaglio da colpire. Per l’addestramento è necessario un lungo periodo di tempo e un trainig intenso. I laboratori di ricerca dell’Aeronautica Americana hanno avviato una serie di sperimentazioni per stimolare le capacità dei piloti e di recente l’Ingegnere Biomedico Andy McKinely  e i suoi colleghi hanno trovato una strategia. Attaccando sul cuoio capelluto degli elettrodi che scaricano sul cervello 2 milliamper di energia per 30 minuti la capacità di apprendimento aumenta così come la concentrazione. Andy McKinley spiegava che se un pilota normalmente riesce a rimanere concentrato per venti muniti, dopo essere stato sottoposto al trattamento riesce a mantenere alta la concentrazione per ulteriori 20 minuti. Chiaramente non si sa se l’esperimento entrerà a pieno titolo nell’albo delle grandi scoperte scientifiche o finirà nella spazzatura della pseudo scienza, per il momento gli scienziati sanno solo che le scariche elettriche alterano la struttura cerebrale con effetti apparentemente benefici, si dovrà poi verificare se nel lungo periodo tutto ciò non causi danni irreparabili.

Fonte: ScientificAmerican

 

 

 

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta